Progetti di ricerca

Progetti di ricerca

In un mercato in evoluzione continua, orientato ad adottare cambiamenti importanti nei settori tecnologici, culturali, organizzativi, sociali, creativi e manageriali, nella cosiddetta “digital transformation”, la Infotel ha da anni iniziato un percorso atto a soddisfare i fabbisogni di imprese ed enti.

Lavoriamo per integrare il business collegato alle fornitura di infrastrutture tecnologiche con progetti e servizi nel campo della sanità, della didattica multimediali e della sicurezza/protezione dei dati (GDPR), privilegiando le attività relative a servizi, consulenza e produzione software.

In particolare, le valutazioni aziendali sono state effettuate anche in relazione alle previsioni di importanti società mondiale di ricerche di mercato in ambito information technology (IT) e innovazione digitale, come ad esempio IDC che prevede che “
entro il 2021 il digitale avrà modificato completamente lo scenario economico mondiale e che la spesa in tecnologia per la digital transformation avrà un tasso di crescita annuale a due cifre in special modo nelle quattro tecnologie della Terza Piattaforma, ovvero cloud, mobility, big data & analytics e social. La parte più importante sarà spesa negli Acceleratori dell’Innovazione, con quelle tecnologie che poggiano sulla Terza Piattaforma e che animeranno un processo di discontinuità in tutti i settori industriali. IDC identifica queste tecnologie nell’IoT, nella robotica, nel cognitive/IA, nella realtà aumentata e virtuale, nel 3D Printing, nella blockchain, per citare le principali”.

Questa esemplificazione, riguardo all'avvicendarsi delle “piattaforme”, ci aiuta a spiegare la direzione in cui si muovono le evoluzioni tecnologiche:

  • prima piattaforma: era formata da un IT fatto di mainframe e terminali, in un mondo pre-Internet di realtà compartimentale e stand-alone
  • seconda piattaforma: è stato il passaggio dall’IT all’ICT; l’architettura di riferimento era il cosiddetto modello client/server, cablato attraverso un sistema di reti locali (LAN)
  • terza piattaforma: si fonda su una Internet di ultima generazione, basata su protocolli IP e reti geografiche (WAN), con evolute tecnologie mobile, networking a elevata velocità e servizi in cloud. Si fanno presenti le necessità di gestire grandi quantità di dati, quindi i Big Data Management. Oltre a questo, si evolve l’integrazione e la consumerizzazione dell’IT, favorendo lo sviluppo di nuovi strumenti di collaborazione (i social media ne sono una caratterizzazione), che vanno analizzati nell’ottica di un customer care digitale e avanzato.

La divisione Ricerca & Sviluppo
La divisione Ricerca & Sviluppo progetta le soluzioni software, redige le specifiche tecniche delle soluzioni proposte e dei requisiti tecnici di implementazione. Fornisce consulenza in materia di sicurezza informatica e di protezione dei dati personali. In collaborazione con il sistema universitario, la società è coinvolta in progetti di ricerca rigurdanti processi di logistica avanzata e monitoraggio di pazienti nel mondo sanitario. In particolare le sinergie tra tecnologie IoT e Big Data consentono l’analisi dei dati raccolti supportando gli operatori sanitari. La divisione è in grado di fornire ai propri clienti competenze di analisi e comprensione dei processi aziendali e delle esigenze di business e una avanzata expertise tecnologica. Opera nei settori della consulenza di processo, business intelligence (analisi e progettazione di database), ERP e CRM, logistica integrata, portali ed e-commerce, sistemi documentali e di workflow (dematerializzazione) anche in modalità SaaS (software as a service).

Di seguito i principali progetti attualmente in essere

Il progetto: ”Human Life Cycle Management”

Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con importanti aziende quali DEDALUS Spa e SQS ITALIA SPA. A seguito della presentazione del 10 maggio 2018 in Campidoglio a Roma, il progetto si è classificato fra i primi 10 al premio eHealth4all, edizione 2018-2019. La commissione scientifica del premio seguirà nei prossimi mesi l'andamento ed i risultati dei progetti, per poi dichiarare il vincitore.

Il progetto prevede la realizzazione di una piattaforma per il monitoraggio di assistiti a lunga degenza attraverso l’analisi di dati sensoriali acquisiti in un contesto di ambient intelligence, con l'obiettivo di porre il paziente al centro di una piattaforma di servizi che offra diagnosi e terapie mirate sulla scorta delle informazioni elaborate da dati strutturati e non.

Il progetto di ricerca prevede lo sviluppo di una metodologia di Big Data Analytics basata reti neurali artificiali massive spesso indicate come deep learning (convolutional neural networks) strutturate su svariati layers e che riproducono la struttura del cervello umano nei task di riconoscimento automatico. Le tecniche di deep learning verranno impiegate per l’apprendimento automatico o la rilevazione automatica di pattern noti o di novità rappresentanti eventi critici da allertare.

I dati da elaborare sono caratterizzati da parametri fisiologici e comportamentali del paziente, acquisiti da una moltitudine di sensori indossabili e non, utilizzando piattaforme di IoT (Internet of things). Le tecniche di machine learning e pattern recognition saranno implementate attraverso l’istituzione di un laboratorio congiunto di ricerca con il CNR-ISASI di LECCE.

Tali tecniche saranno impiegate nella fase di post-processing sulla elevata mole di dati generati dai sensori fisiologici, i cui risultati saranno opportunamente rappresentati costituendo una notevole caratteristica nella value proposition aziendale. I risultati del progetto saranno oggetto di pubblicazioni scientifiche e conferenze internazionali.

Di seguito il link alla presentazione

PROGETTO HLCM - Human Life Cycle Management

ed il link dell'evento.


Il progetto HINT - Healthcare Integration in Telemedicine

Il progetto HINT - Healthcare Integration in Telemedicine vuole implementare una rete per il supporto clinico sia nei casi che richiedano elevata specializzazione sia a copertura delle zone dove non siano presenti specifiche competenze. Il progetto prevede la realizzazione una piattaforma abilitante di servizi avanzati per il teleconsulto sul melanoma della pelle.

Il Progetto di ricerca TALISMAN

Il progetto TALIsMAn (acronimo ricavato da "Tecnologie di Assistenza personALizzata per il Miglioramento della quAlità della vitA”) si pone l’obiettivo della definizione di innovativi modelli e tecnologie a supporto dei soggetti fragili. Elemento centrale nella definizione di questi modelli è costituito dal nuovo indice di fragilità - questo, basandosi su indicatori di performance oggettivi, permetterà di monitorare l’efficacia, in termini di ricadute sulla qualità di vita del soggetto e l’efficienza dei modelli stessi in termini sia di uso delle risorse disponibili sia di sostenibilità economica.

Ulteriori progetti sono oggi in fase di valutazione, e sono sempre orientati all’erogazione di servizi ai cittadini nel campo della sanità e nell'affrontare con ottica positiva e propositiva le problematiche di big data analytics e deep learnig - domini in cui la Infotel sta fortemente investendo molto in termini di capitale umano.